Una proposta di legge di iniziativa popolare contro le aggressioni al personale dipendente nel sistema pubblico e privato.

Condividi su

Una proposta di legge di iniziativa popolare contro le aggressioni al personale dipendente nel sistema pubblico e privato. Genova, 9 luglio 2019 – Le aggressioni al personale sanitario nel sistema di lavoro pubblico e privato sono diventate consuetudine: minacce, insulti e attacchi fisici non consentono agli operatori di lavorare in sicurezza e in serenità, soprattutto  nei reparti di Pronto Soccorso, Psichiatria, SERT e Servizi di accoglienza.Il personale in servizio non si sente tutelato né dall’azienda né dalla legge. Per questa ragione arriva la proposta di legge di iniziativa popolare della Uil Fpl che si propone di tutelare tutti i lavoratori dipendenti della Pubblica Amministrazione che svolgono la propria prestazione lavorativa nella Sanità e nelle Funzioni Locali.Oggi a Genova, al Galliera, nel corso di un convegno organizzato da Uil Liguria e Uil Fpl, nell’ambito della campagna “Liguria in salute”, è stato affrontato il tema della sicurezza dei lavoratori alla presenza del segretario organizzativo Uil Fpl, Daniele Ilari e di Silvana Roseto, segretaria confederale nazionale UIL.Insieme al coinvolgimento attivo delle Amministrazioni e di tutto il personale che opera a diretto contatto con l’utenza, attraverso la valorizzazione di esperienze e competenze, si dovrà procedere con l’individuazione delle criticità e con la revisione condivisa dei processi di lavoro e implementazione delle azioni di miglioramento.L’obiettivo della proposta è la costituzione di un gruppo di lavoro in ogni Ente e struttura che affronti le problematiche nello specifico rispetto, anche, attraverso la tutela legale economica da parte della Pubblica Amministrazione e con l’individuazione dei reparti e degli uffici e dei servizi a rischio. La proposta di legge prevede nuove indennità per i dipendenti a rischio, l’ampliamento degli organici del personale durante i turni pomeridiani e notturni e un presidio della Polizia di Stato negli Ospedali. La visione del sindacato è rivolta una  maggiore sicurezza per operatori sanitari e cittadini anche nelle strutture sanitarie private convenzionate o del terzo settore. 

Hanno partecipato:  Adriano Lagostena, direttore generale Galliera, Mario Ghini, segretario generale Uil Liguria, Marco Vannucci, responsabile aziendale Uil Fpl Galliera, Paola Profumo, segretaria organizzativa Uil Fpl Liguria, Paolo Cremonesi, direttore PS Galliera e Ordine dei medici chirurghi e odontoiatri, Giuseppe Pittaluga, infermiere PS Galliera, Carmelo Gagliano, presidente Professioni infermieristiche Genova, Paola Cermelli, vicepresidente Ordine degli Assistenti Sociali Liguria, Daniele Ilari, il segretario organizzativo UIL FPL, Giovanni Cadili Rispi, coordinatore nazionale Uil Fpl Area delle Professioni sanitarie e Assistenza sociale, Antonio Rubino, Ordine degli Avvocati Genova, Silvana Roseto, segretaria nazionale UIL. Ha moderato il convegno: Alfonso Pittaluga, segretario confederale regionale Uil Liguria.

Nella foto: Silvana Roseto, segretaria confederale nazionale Uil