Scuola e pasto da casa: i sindacati chiedono incontri chiarificatori in provveditorato e Comune di Genova.

Condividi su

Genova, 25 settembre 2019. E’ ormai noto che la Sentenza della Cassazione n. 20504-19, depositata il 30 luglio 2019, ha smentito, annullandola, la sentenza della Corte d’Appello di Torino n. 1049/2016 che aveva affermato la sussistenza del diritto sia di scegliere per i propri figli tra il servizio di ristorazione scolastica ed il pasto portato da casa, sia il relativo consumo nei locali della scuola nel medesimo orario del servizio di ristorazione. Alla luce quindi di quanto depositato in cassazione, le Segreterie territoriali di FILCAMS e FLC CGIL, FISASCAT e CISL SCUOLA, UILTUCS e UIL SCUOLA RUA, hanno richiesto un duplice incontro. Uno indirizzato all’Ambito Territoriale di Genova dell’USR Liguria e uno all’assessorato competente, nella persona della dott.ssa Grasso comprendendo quindi anche l’equipe comunale che si occupa dell’appalto.

Nella sentenza si evidenzia, tra le molte considerazioni, che integrare le diverse esigenze degli utenti fruitori del servizio di refezione scolastica e di coloro che invece portano il pranzo da casa, ha implicato e implica difficoltà organizzative notevoli. A livello sindacale si è sempre sottolineato inoltre l’oggettivo rischio occupazionale delle maestranze operanti in appalto per le aziende che forniscono i pasti, i carichi di lavoro aggiuntivi per il personale docente e scolastico, nonché l’assunzione di responsabilità ragguardevoli da parte dei Dirigenti Scolastici, sui quali è gravata tutta la responsabilità di gestire la delicata situazione, specie nelle tante scuole ove vi sono diete speciali.

La sentenza esamina ed approfondisce la tematica in tutti i suoi aspetti e, con la sua pubblicazione, le organizzazioni sindacali unitarie firmatarie delle richieste di incontro ritengono da una parte che il Dirigente dell’Ambito Territoriale, nella persona del Dott. Perotti, debba esprimersi con chiarezza nel merito della questione consegnando un orientamento che recepisca la sentenza e sia di indirizzo a tutti i Dirigenti Scolastici di Genova e, parallelamente, chiedono al Comune di Genova, come committenza responsabile del servizio, della tutela dei piccoli utenti e della tenuta occupazionale del settore, di confrontarsi con le organizzazioni sindacali per discutere in merito a tutte le criticità che emergono quotidianamente nelle scuole a causa della confusione creatasi in merito al pasto da casa, facendosi parte dirimente sulla questione.

Filcams Cgil, Flc Cgil, Fisascat Cisl, Cisl Scuola, UilTucs Uil, Uil Scuola RUA di Genova

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*