Sciopero generale dei trasporti: il Governo avvii il dialogo con le parti sociali.

Condividi su

Le Federazioni dei trasporti Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno proclamato uno sciopero generale del settore per il giorno 24 luglio 2019 (26 luglio per il trasporto aereo). La protesta a livello nazionale nasce dall’assenza di interlocuzione con il Governo e con il Ministero competente sulle condizioni di un settore che necessiterebbe di un maggior dialogo con le parti sociali, a tutti i livelli

 vista l’importanza che ricopre per:

• La produttività complessiva del sistema industriale del Paese (buone interconnessioni garantiscono spostamenti veloci ed efficaci delle merci);

 • La garanzia del diritto costituzionale alla mobilità delle persone, che corrisponde anche alla tutela del diritto alla salute, al lavoro e allo studio;

 • Il supporto al turismo, fattore di sviluppo essenziale per l’Italia intera;

 • La funzione di coesione territoriale che coincide con coesione sociale, nel rispetto dei princìpi di solidarietà e unità nazionale.

Per ciò che riguarda la regione Liguria, i temi oggetto dello sciopero, riepilogati nel documento unitario “Rimettiamo in moto il Paese”, sono tutti drammaticamente attuali, ad iniziare dall’individuazione delle priorità di carattere generale: sicurezza, legalità e tutela ambientale. Chiediamo che la Regione Liguria metta in campo le azioni utili a dare sostegno alle richieste del Sindacato

Segreterie regionali Filt Fit Uiltrasporti Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*